Chi Siamo   -   Contatto  Español  EnglishPortuguesAleman

RSS Notizie

21 militari condannati per un caso di “falsi positivi”

1
0
1
s2smodern
powered by social2s

Durante tutto il conflitto in Colombia molti sono stati i casi di civili assassinati dall’esercito che li accusavano falsamente – e con prove fabbricate ad hoc – di essere guerriglieri. Queste azioni militari sono passate tristemente alla storia con il nome di “falsi positivi”: l’esercito dichiarava come “positiva” (ovvero come guerriglieri) l’identitá dei civili che ammazzava.

Nel 2008, cinque giovani provenienti da famiglie povere di Soacha risposero ad una offerta di lavoro e furono reclutati e inviati a Ocaña, nel nord della Colombia dove invece che il lavoro incontrarono la morte. I giovani furono costretti ad indossare uniformi guerrigliere e successivamente furono assassinati da membri dell’esercito colombiano.

Le famiglie dei cinque giovani hanno incessantemente denunciato questi omicidi e chiesto giustizia. Lunedì scorso, 21 militari coinvolti nella montatura e nell’assassinato sono stati condannati a pene comprese tra i 37 e i 52 anni di carcere. Si tratta, evidentemente, soltanto della punta dell’iceberg ma è almeno un inizio.

La ricerca della veritá sui crimini e le responsabilitá di crimini commessi durante il conflitto da tutte le parti coinvolte è parte cruciale del processo di costruzione di una pace giusta e duratura in Colombia.

falsospositivos1.jpg

MadresFalsosPositivos.jpg

1
0
1
s2smodern