Chi Siamo   -   Contatto  Español  EnglishPortuguesAleman

900 studenti universitari al lavoro volontario con le FARC-EP

1
0
1
s2smodern
powered by social2s

Piú di 900 studenti di diverse universitá colombiane hanno visitato 10 Zone Transitorie dove le FARC-EP sono concentrate.

Con i guerriglieri hanno dato vita all’iniziativa di Volontariato di Pace. Quattro giorni di attivitá che hanno visto lavorare fianco a fianco studenti e guerriglieri.

“Questa esperienza ha cambiato totalmente l’idea che avevo delle FARC-EP. – ha detto Fernanda, studentessa di psicologia dell’universitá Externado – La mia opinione della guerriglia era quella viziata dei media e dei politici che la dipingono come un mostro. Lavorare assieme ai guerriglieri mi ha fatto capire che non ci sono mostri tra guerriglieri ma uomini e donne come noi”.

Quest’iniziativa é stata importante perché la gente, e soprattutto i giovani, ha potuto conoscere direttamente e da vicino i guerriglieri delle FARC. Gli studenti hanno ascoltato quello che questi combattenti, spesso della loro stessa etá, hanno da dire, hanno ascoltato le loro opinioni, i loro sogni, i loro dubbi, perché sono entrati nella guerriglia, perchè hanno deciso di imbracciare un fucile.

“Sono venuto qui – ha detto Armando, studente di ingegneria all’universitá El Rosario – perchè mi interessava sapere cosa pensavano i guerriglieri e volevo ascoltare da loro quello che avevano da dire. Confesso che non pensavo di poter provare empatia, ma alla fine, sí, ho sentito empatia con questi giovani”.

Luisa, studentessa di legge all’Universitá Nazionale di Colombia, aggiunge di aver “imparato che nonostante le nostre differenze, abbiamo deciso di riunirci per condividere idee e opinioni per costruire la pace, insieme...spero che l’implementazione della Pace avvenga in maniera corretta – ha aggiunto – cosí che la Colombia potrá andare avanti e permettere a tutta l’opposizione politica di avere garanzie di sicurezza personale e legale per portare avanti le sue idee e le sue battaglie nell’ambito della democrazia”.

Le iniziative di Volontariato per la Pace come questa continueranno nei prossimi mesi in modo da consentire a quanta piú gente possibile di entrare negli accampamenti FARC-EP e conoscere i guerriglieri, in modo che insieme – societá civile e guerriglia – possano spingere il Governo a non ritardare l’implementazione dell’Accordo Finale.

1
0
1
s2smodern