Chi Siamo   -   Contatto  Español  EnglishPortuguesAleman

Sede Attività Politica del Partito FARC attaccata nel Chocó

1
0
1
s2smodern
powered by social2s

Il Partito Forza Alternativa Rivoluzionaria del Popolo - FARC denuncia e respinge con forza l’assedio della sua sede di campagna politica situata in Cerrara 9 # 24A-80, Barrio Chamblum, Quibdó.

 

I compagni del Partito, tra cui una compagna incinta, sono stati prima immobilizzati, offesi e quindi costretti a rimanere nella parte posteriore della sede e quindi costretti dai delinquenti che hanno intimato loro di consegnare quanto avevano. Tutto ciò che hanno consegnato è stato rubato.

E’ curioso che fino ad ora nessuna delle sedi dei partiti tradizionali di Quibdó aveva avuto alcun problema né attacco come quello che abbiamo subito noi.

La campagna nazionale di intimidazione che porta avanti il Clan del Golfo contro il nostro partito FARC minacciando apertamente da Cali di “far saltare le sedi del partito FARC”, sembra sia stata avviata proprio in Quibdó.

Denunciamo davanti agli organi di sicurezza dello Stato, al governo el Presidente Juan Manuel Santos, all’organizzazione delle Nazioni Unite-ONU, garante del reinserimento nella vita politica degli ex guerriglieri delle estinte FARC-EP e oggi militanti del Nuovo Partito Forza Alternativa Rivoluzionaria del Popolo-FARC, che la garanzia delle vite dei nostri militanti, sia a Quibdó che in tutto il dipartimento del Chocó, è nelle loro mani.

Da quando siamo nella vita politica legale sono stati uccisi 36 ex guerriglieri: si continuerà a permettere che questi omicidi sistematici da parte dei nemici del processo di pace e della sua implementazione avvengano?

Allo stesso modo sottolineiamo: spetta a voi assicurarci tutte le garanzie di sicurezza per lo sviluppo dell’azione politica del Nuovo Partito Politico FARC nell’ambito dell’attuale campagna elettorale parlamentaria.

Rendiamo pubblico il nostro impegno determinato di continuare a lavorare per la pacificazione del Dipartimento del Chocó nell’ambito dei processi di costruzione di pace e auspichiamo che tutti gli attori armati ancora in attività, ELN e Clan del Golfo, raggiungano l’accordo richiesto per rendere realtà il sogno di una pace completa.

Facciamo appello all’ONU affinché si pronunci e esiga dallo Stato colombiano il rispetto di quanto accordato nell’Accordo di Pace tra il Governo di JM Santos e le FARC-EP, che ha permesso di porre fine ad una guerra lunga 53 anni e di iniziare la costruzione di una pace stabile e duratura.

Allo stesso modo esigiamo che siano garantite le misure di sicurezza e protezione adeguate alle nostre sedi e ai loro funzionari, per garantirci una reale partecipazione allo sviluppo delle attività politiche senza nessun tipo di timore.

Consiglio Dipartimentale del Popolo del Partido FARC-Chocó

Consiglio Locale del Popolo del Partito FARC-Quibdó

Quibdó, 24 gennaio 2018

1
0
1
s2smodern